Previous Next

martedì 5 gennaio 2016

50Km Lecco Cassano 2015

Posted by Paolo Scotti | 1/05/2016 03:49:00 PM Categories: , ,

La Lecco Cassano è una gara che cerco di rifare tutti gli anni. Non la vivo come corsa competitiva, ma come allenamento in compagnia, in un paesaggio naturale bellissimo, ridendo e scherzando con gli amici. Quest'anno all'allegra brigata si è aggiunto anche Willy, debuttante sulla distanza, la sua ultima corsa "lunga" risaliva a cinque mesi prima, nella mezza di Crema con i sui 21km.
Non nascondo che in molti eravamo un po scettici che riuscisse a portarla a casa, io compreso, ma siamo stati tutti bellamente stupiti quando l'abbiamo visto arrivare al traguardo trionfante e nemmeno sfatto. L'abbiamo corsa tutta insieme in 4:04:00 un bel tempo per noi che l'abbiamo gestita con parsimonia. E' una gara che consiglio a tutti perchè si volge interamente sulla ciclopedonale che parte dal lago di Lecco e costeggia tutto l'Adda, con dei bellissimi panorami, quasi interamente su strade non asfaltate.

Siamo già nel 2016.. quindi vi auguro un buon anno.. vediamo se i buoni propositi del recupero post 2015 e mantenimento dei 2016 vengono rispettati!

mercoledì 30 settembre 2015

Maratona di Roma 2015

Posted by Paolo Scotti | 9/30/2015 09:39:00 PM Categories: , , , ,
 
Tu non potresti vedere nulla maggior di Roma. (Omero)
Roma, o morte. (Giuseppe Garibaldi)
Veni. Vidi. Vici (Gaio Giulio Cesare)
 
Roma non è una città come le altre. È un grande museo, un salotto da attraversare in punta di piedi. Ok per molti starò esagerando, ma io mi sono proprio innamorato di questa città. Ma torniamo a quel lontano 22 Marzo 2015.. Ancora prima che la sveglia suoni apro un occhio.. tendo l'orecchio.. cazzo piove. Mi alzo, do un occhiata fuori dalle finestre.. ma si dai tutto sommato poca roba, accettabile. Vestizione e via ci fiondiamo in strada direzione Colosseo con tappa al bar per la colazione. Qui la barista mi strappa una risata.. "Ma voi andate a fa la Maratona? Ma piove! Ma li mortacci vostri " Ahahahahha Numero uno. Quattro foto con i centurioni davanti all'altare della patria e ci portiamo in zona per ingabbiarci correttamente.
 
 

 
Ovviamente direi una grossa bugia se dicessi che ero tranquillo. Sapevo di essermi preparato bene, ma quella bronchite non del tutto guarita mi dava qualche pensiero. Quindi la tattica era stare con Ivan per i primi 15/21 Km, da li vedere se la tosse mi dava tregua ed eventualmente accellerare. Quello che adesso stavano già accellerando erano i battiti del cuore.. Nel viale dei fori imperiali, alle spalle il colosseo, di fronte l'altare della patria, in fiano i fori e le statue degli imperatori.. e nell'aria il suono della colonna sonora del Gladiatore.. pelle d'oca.. "Al mio segnale scatenate l'inferno!" Pum! Partiti. Dio non me la scorderò mai una partenza cosi, nemmeno la gladiatrice canadese che è partita al nostro fianco ahahahahh
 

 
L'umore inizia ad alzarsi, la tosse regge, il fisico sembrerebbe non ribellarsi, mi sento alla grande anche se a furia di guardarmi intorno sto sbagliando tutte le traiettorie ed inizio ad avere un notevole svantaggio sulla misurazione ufficiale. Poco male dai, per ora non importa. Al quindicesimo trovo mia sorella in strada ad incitarci, vedo Castel S.Angelo, non capisco più una mazza e inizio ad accellerare. Li perderò Ivan. Brividi alla svolta che porta in S.Pietro, trovarselo davanti in tutta la sua magnificenza e maestà lascia senza fiato, credenti o meno. Un luogo dove si respira un energia pazzesca. Mi aggancio ad un gruppetto di persone che fanno più o meno la mia andatura e il tempo inizia a scorrere veloce insieme ai km che passano. Fermata pipistop e anche la pioggia debole decide di smettere. Si inizia a tornare indietro verso il centro, piazza del popolo, piazza di Spagna, piazza Navona.. dio quanta gente, mamma mia quanto è bella questa maratona? No dico, ma avete presente dove siamo passati? Si su quei san pietrini che tutti odiano e che in effetti inizio ad avvertire gli ultimi 5 km sotto le piante dei piedi, ma volete mettere?? Ristoro del quarantesimo, inizio ad essere un po bollito, e mi devo fare pure sta mezza salita al Quirinale, ma ormai ci siamo. Vi ricordate che ero andato un po a zonzo.. peccato perché alla fine avrò collezionato un bel km in più.. senza quello.. Ma è andata fin troppo bene, vediamo il lato positivo, pensavo di non riuscire nemmeno a farla, invece arrivo, alzo le braccia, rido, non ci credo, sono a Roma e ho corso la mia Maratona più bella. Mi si avvicina un volontario, mi mette la mantellina e mi chiede se voglio bere.. gli scoppio a piangere in faccia e lo ringrazio. Faccio tutto il kilometro abbondante fino al colosseo con un singhiozzo da bambino emo ma non riesco a smettere, sono troppo felice.  3:46 Minuti. Non è PB ma non è importante, questa corsa, questi due giorni non li dimenticherò mai. Attendo Ivan un mezzoretta abbondante e poi dopo una doccia calda ci fiondiamo a mangiare l'ultima Amatriciana da "Giulio passami l'olio". Ragazzi se passate a Roma dovete andarci!
 
Alla prossima, stay tuned!
 










 

lunedì 28 settembre 2015

Maratona di Roma - The Day Before

Posted by Paolo Scotti | 9/28/2015 10:44:00 PM Categories: , , , ,

"Un popolo di poeti artisti di eroi
di santi di pensatori di scienziati
di navigatori di trasmigratori"
 
Roma caput mundi. Roma la città eterna. Quante cose avevo sentito, quante foto, film documentari e  libri avevo visto. L'avevo studiata, l'avevo sognata nei film quali "Il gladiatore" o "La dolce vita".
Adesso per la prima volta mi trovo a Roma e bastano cinque minuti perché me ne innamori. Viali enormi, fontane, monumenti.. ogni angolo trasuda storia, splendore. Ne rimango affascinato, e non ho praticamente ancora visto niente. Non poteva esistere la maratona di Roma senza il giorno prima, dove contro tutte le classiche raccomandazioni, mangiamo, beviamo, camminiamo, camminiamo, camminiamo e facciamo tardi la notte.. ma alla fine non sono qui anche per questo?
 
Altare della Patria (Vittoriano)
 
Io e Ivan sfruttiamo l'ospitalità della mia sorellina che si improvvisa anche come guida e ci porta a spasso per il "Maxi Tour a Manetta" dove toccheremo tutti i principali monumenti della capitale. E' scontato dire che più giro per il centro, più mi innamoro perdutamente di questa città. Avremo anche tutti i difetti di questo mondo, ma un posto così è unico e inimitabile. La posizione della casa è vantaggiosissima in quanto in pieno centro, quindi tutto si può raggiungere molto agevolmente.
 
Castel S.Angelo ( 100 mt. da casa di Elena )
 
S.Pietro
 
 Il Pantheon


La Barcaccia - Piazza di Spagna


I Fori Imperiali


Il Colosseo
 
Qualche foto d'obbligo, solo di una minima parte di quello che abbiamo visitato, in tutto a fine giornata saranno circa una quindicina i kilometri percorsi, ma il sorriso stampato sul mio volto sarà duro da cancellare. E pensare che la sfortuna ha voluto che mi ammalassi proprio una settimana prima, un raffreddore con tosse fortissima. Niente antibiotici perché avevo paura mi debilitassero troppo, ma le medicine "tradizionali" non facevano bene il loro lavoro.. morale l'ultima corsetta di prova l'ho fatta il giovedì prima della partenza, 5 km con 4 soste perché ogni volta che partiva la tosse se non mi fermavo rischiavo di vomitare. Il morale era quindi un pochino a terra, l'avevo preparata bene, ci tenevo veramente tanto, stavo rischiando di vanificare tutto per una stupida tosse!
 
La cosa bella è che in viaggio di nozze abbiamo conosciuto una coppia di sposini romani veramente squisita. Due persone fantastiche con cui abbiamo legato subito. Negli anni ci siamo tenuti in contatto e adesso ero li.. vuoi non organizzare un incontro? E dopo 13 anni rivedo Lallo e Simona, in splendida forma, che ci accompagnano per due passi in centro prima di andare in un localino a mangiare veramente ottimo! E se non li conoscono loro! Ma aimè arriva il momento della ritirata, la giornata è stata veramente lunga, a partire dalla levataccia per prendere il treno, abbiamo camminato veramente molto.
 

La carica del mio presidente - Il Bress!!


La maglietta di Ivan - Gadget da numeri 1


La mia sorellina


Anvedi i gladiatori all'Expo Marathon


Si firma il muro dei partecipanti!

 
Birretta?


 
 
 


3 Santi Trail 2015 - Tra fango e neve

Posted by Paolo Scotti | 9/28/2015 02:15:00 PM Categories: , , ,

"Le grandi montagne hanno il valore degli uomini che le salgono,
altrimenti non sarebbero altro che un cumulo di sassi."
W.Bonatti
Ormai le gare, in comune accordo con la famiglia, si limitano ad una al mese... ma poi ne trovi una vicino casa, sai che è bella perché l'hai già fatta... ci vanno i tuoi soci.. che fai, stai a casa??
Claro che no! Con Ivan ci fiondiamo a Nave (BS) e anche a questo giro GoogleMaps ci frega con le tempistiche, facendoci partire troppo presto. Poco male ne approfittiamo per fare la prima e la seconda colazione al bar. Nel frattempo ci raggiunge lo zio, il grandissimo Giancarlo Gelmini, con il quale farò tutta la gara. Partenza tranquilla, che ci penalizza un poco con il serpentone iniziale sul single track in salita, ma poco male, abbiamo più fiato per parlare e raccontarcela. Visto il kilometraggio scarso della gara e il dislivello abbastanza contenuto, optiamo tutti per lasciare a casa i bastoncini, scelta tutto sommato rivelatasi saggia. Appena prendiamo quota troviamo un po di fango che inizia a rendere i passi un po più pensanti, ma nel complesso la gara scorre fluida. Il vero paradiso del divertimento lo troviamo in cima, quando troviamo la neve. Quei due kilometri di sentierino in discesa corsa a perdifiato nella neve non li scorderò mai. Ti procurano quel senso di onnipotenza, fanno sgranare gli occhi alla gente che saliva per un escursione alla chiesetta, la quale inizia anche ad incitare questi pazzi che si buttano a capofitto incuranti del potenziale danno fisico che conseguirebbe ad una scivolata.. E' proprio come tornare bambini. Si riprende un poco la salita e poi via ancora a capofitto fino all'arrivo, raccogliendo nel frattempo i pareri di chi sta testando le Hoka One da trail messe a disposizione da un venditore pre gara.
Solito giro birre finale, immancabile, e solo dopo un breve calcolo... 23 minuti in meno dell'anno precedente... mi sembrava di aver girato meglio, non pensavo cosi tanto!
Un trail sempre molto bello a cui spero di poter partecipare anche nel 2016!


Quant'è dura la salita.. 

 Un po di respiro in discesa 




 Finalino in salita tra la neve, prima della stupenda discesa innevata

sabato 26 settembre 2015


Ahimè, perché l'amore, di aspetto così gentile è poi, alla prova, così aspro e tiranno?
William Shakespeare
 
Ed è proprio quello che capita a Verona aimè.. Carico e mentalmente pronto grazie alla preparazione per la Maratona di Roma del mese dopo, decido che è arrivato il momento di provare ad abbattere il muro dei 100 minuti sulla mezza.
10.000 Runners a Verona, era la mia prima volta in questa bellissima città, l'impatto visivo è stato veramente incredibile. Si parte dallo stadio, dove incontro tante facce note, e li si minimizza e si scherza come al solito. Non siamo atleti che puntano a prestazioni eccellenti, quindi riusciamo sempre a trovare il modo di divertirci e di prenderla con filosofia quando non va come ci aspettavamo. Si parte, con una runner vestita da coniglietta che butta coriandoli sulla folla.. ovviamente i commenti maschili si sprecano.. ma solo fino a quando ci rendiamo conto che la ragazzina corre alla grande! Un po congestionati ovviamente i primi km, ma poi si riesce a tenere un bel ritmo costante. Al settimo kilometro Ivan mi abbandona, per lui il ritmo è troppo alto, io cerco di no pensarci e di continuare a godermi la corsa e la città. Le gambe vanno, mi sento bene anche se so che la crisi potrebbe arrivare da un momento all'altro. Ma la crisi oggi se ne sta lontana fortunatamente, sento solo un leggero bisogno di acqua, infatti al quindicesimo mi fermo al ristoro. Cerco di non strozzarmi ma di fare cmq più alla svelta che posso.. purtroppo non basterà. Riprendo con un bel ritmo nonostante la strada in falsopiano, il vento, i ponti, vedo l'arena, ci passiamo in fianco e poi in mezzo.. molto suggestiva davvero.. tranne la rampa verticale in uscita aaaaaaaaaa ultimi 200 metri in apnea.. 1:40:01..... ahahahahahahah un secondo del cavolo!
 
Va bene cosi, sono molto felice anche in vista di Roma, attendo l'arrivo di Ivan e ci fiondiamo sullo stand della birra artigianale, oggi meritatissima, e poi panozzo gigante, patatine..
 
Bellissima giornata, alla fine è questo quello che resta.
 

 
 
 

Mezza del Brembo - La ripresa è vicina

Posted by Paolo Scotti | 9/26/2015 09:50:00 AM Categories: , ,
 
La Befana.. freddo, freddissimo alla mattina presto quando Ivan passa a prendermi. Sono ancora talmente sotto effetto panettone che non ci faccio nemmeno caso che per la prima volta mi presento ad una gara senza la mitica canotta gialla.. Son talmente in palla diciamo che faccio proprio tutta la gara con anche il gilet delle tapasciate.. ahahahaahahah. La cosa di bella di questa gara è che raduna un po tutti gli amici del circondario, quindi tante chiacchere, quattro risate e si corre.
Finalmente esco dall'anno un po buio, sento la ripresa e la corsa farsi più fluida, anche se ci vorrà ancora un po di tempo. Vado infatti ottimanente fino al 15°km poi la spia della riserva inizia a lampeggiare. Tiro i remi in barca, mi godo il panorama, chiacchero con gli amici e raggiungo il traguardo con il sorriso. Niente di che la prestazione, si chiude in 1:47, ma lascia bene sperare per il futuro, specialmente i primi 15 km. Di questa gara non ho trovato nemmeno una foto.. ma pazienza. 
 

venerdì 25 settembre 2015

The Sound of Silence

Posted by Paolo Scotti | 9/25/2015 10:09:00 PM Categories: , , ,
 
"Le parole dei profeti
sono scritte sui muri della metropolitana
e negli androni dei palazzi,
e diventano sussurro nel suono del silenzio."
 
Eh già... è arrivato il momento di alzarsi da quella sedia, seppur molto comoda. Una foto che mi strappa un sorriso, il ricordo della mini vacanza a Roma con la mia famiglia in compagnia di mia sorella e dei nostri splendidi amici romani.
Penso che il titolo del post, come la citazione dell'ultima strofa della canzone che mi sta facendo da sottofondo, descriva bene questo "momento"..  Il suono del silenzio. Perché a volte il silenzio assoluto può fare molto rumore, può mettere paura se non lo si conosce e non lo si apprezza. L'ho sperimentato in una corsa in solitaria in montagna, quando sono arrivato in cima ed ero solo io e qualche timida marmotta.. Incredibile. Ti toglie il fiato. Nessun rumore. Il silenzio tutto intorno e il rumore nella tua testa. Ma sto andando troppo sul filosofico.. nel mio caso mi sento rappresentato da queste parole perché il silenzio c'è stato, non avendo più trovato tempo e forse nemmeno stimoli per scrivere, ma il suono c'è stato perché la mia vita è continuata con grandi emozioni, dalle gare, all'innamoramento incondizionato per una città, alla fine delle elementari per la mia Giada a pieni voti, idem per la nanetta in prima elementare, dalle ferie in un nuovo e spettacolare posto.. ma vi racconterò tutto post per post.
Si vorrei cercare di recuperare le tappe salienti dalla chiusura del 2014 ad oggi, che a memoria dovrebbero essere:
 
- Mezza del Brembo ( Gennaio )
- Mezza di Verona ( Febbraio )
- 3 Santi Trail ( Marzo )
- Maratona di Roma ( Marzo )
 50 Km Lecco Cassano  ( Aprile )
- Mezza di Piacenza ( Maggio )
- Trail dell'Orsa ( Maggio )
- 50 Km Pistoia Abetone ( Giugno )
- Vacanze Romane ( Giugno )
- Vacanze a Vieste ( Agosto )

Stay tuned!

martedì 30 dicembre 2014

Presezzo - Roncola Salutando il 2014

Posted by Paolo Scotti | 12/30/2014 01:05:00 PM Categories: , , , ,
 
Ormai entrata nelle classiche di fine anno, la Presezzo - Roncola - Presezzo anche quest'anno non delude. Ci troviamo tremanti negli spogliatoi io, l'amico Guero e il mitico Gianky, che quando c'è da fare quattro passi con anche una salitella in mezzo, non si tira mai indietro. Dopo la nevicata del giorno precedente la temperatura è veramente bassa, si parte con i -2, resi ancora più rigidi dalla nebbia. ( Un umidità qui a 200mt sul livello del mare nn l'avevano mai vista.. ). Come di consuetudine i primi 7 km sono a ritmo blando, gruppone compatto scortato dalle bici dell'organizzazione, con risate e battute varie sul fatto che potremmo essere investiti da un minuto all'altro.. in effetti qualche faccia di automobilista perplesso la incrociamo :-)


 
Ristorino per gli auguri di buon anno e si parte per i 7km di salita. Tengo il passo fino a metà salita, poi lo zio e il Guero mi staccano pian piano ma inesorabilmente. Cederò un minuto in vetta. Il freddo ormai è un lontano ricordo e il sudore scende copioso dalla mia fronte, nemmeno il buff riesce a trattenerlo. Ma il panorama ripaga la fatica, quest'anno anche con la variante neve. Solito the chimico tracannato a scaldare lo stomaco e si ritorna indietro. 7km di discesa presa ad un ritmo allegro senza forzare, ristoro con acqua congelata nel bicchierino, giusto per far capire che freddo faceva, e via verso Presezzo per gli ultimi 7km. Con soli 3 euro di iscrizione veniamo omaggiati anche di un buonissimo pandoro (o panettone x chi voleva) e siamo pronti per tornare a casa. Una corsa semplice senza fronzoli, fatta tra amici e amanti della corsa, la consiglio a tutti per il 2015!

 
 
  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Youtube