giovedì 22 luglio 2010

Nuoto - 3000 metri di soddisfazione.

Posted by Paolo Scotti | 7/22/2010 09:32:00 AM Categories:


E' da 22 giorni che ho un problemino alla gamba sx che mi impedisce di correre. Per non perdere troppa condizione aerobica in questo periodo mi sono dato in modo più costante al nuoto e alla bici. ( Alla fine nasco nuotatore, il mio primo sport da bambino, ed in fondo nel triathlon c'è anche questo... )

Quando entro in vasca capisco subito se l'allenamento andrà bene o si farà fatica a portare a casa anche il minimo sindacabile per definirlo un allenamento, cioè i 1500mt. Ieri era un giorno di quelli che dopo una decina di bracciate ho capito subito che stavo benissimo, scivolavo molto bene sull'acqua... ero solo in corsia, poca gente in piscina, acqua pressochè piatta... si era il giorno per tirare fuori tutto e tentarci, o personal best o muerte! Cuffia nazionale italiana indossata, occhialini a specchio presenti, pull stretto tra le gambe, e chi mi ferma!

Dopo i primi 1500 metri ( 60 x 25 ) il cronometro segna 30 minuti, e ho anche avuto delle pausette di recupero. Personal best annientato. ^_^

A 2000 metri ( 80 x 25 ) il cronometro segna 41 minuti, perso un minutello, le spalle iniziano un poco a farsi sentire. In vasca sempre solo e il mio vicino, che aveva iniziato con me, alla 60° mi ha abbandonato. Personal best distrutto. ^_^

A 2500 metri ( 100 x 25 ) il cronometro segna 52 minuti, costante in ritmo, ma con recupero un filo più lungo, le braccia iniziano a porgermi delicatamente il conto. Nel recupero più lungo il vicino di vasca, quello che alla 60° aveva abbandonato il mio ritmo, mi dice: "MA QUANTO CAZZO VAI? MA NE FAI ANCORA?" Io con il poco fiato rimasto riesco con il sorriso a rispondere " O 3000 O MUERTE " e riparto. Ovviamente Personal best smaciullato. ^_^

A 3000 metri ( 120 x 25 ) il cronometro presenta un ottimo 1 Ora 3 Minuti. Perso qualcosina, ma ci sta. Nelle 20 vasche finali ho buttato dentro anche un 6 vasche rana, ero un poco alla frutta. Comunque personal best, manco a dirlo, sbrindellato.

Esco dalla vasca facendo fatica a tenermi con le braccia sulla scaletta, pensavo mi si staccassero, però super contento, lo sentivo che era giornata. Esce anche l'amico della corsia di fianco e ci avviamo verso la doccia.. "3000 quindi, non ti vedo galleggiare in vasca! ^_^ " " Bravo ragazzo, hai già imparato la lezione, però anche tu viaggi bene! ".

Ps: Ho messo il riscontro anche in numero di vasche non perchè non sappiate fare i conti, ma chi nuota sa la differenza che c'è tra la corsia da 25 e da 50 metri.

Ibiza130

12 commenti:

  1. ricambio la visita! ma ti alleni con Innovatel? anche lui è di Pandino...peccato che non siamo proprio vicini altrimenti potevamo condividere qualche allenamento..

    RispondiElimina
  2. Abbiamo spesso orari differenti, però stasera ci becchiamo. Siamo vicini di casa! Ahahhaha

    Non ci corro insieme... non gli sto dietro...

    RispondiElimina
  3. Vai forte, io, invece vittima di insegnamenti di nuoto un pò datati, sto rimettendo tutto in discussione (vedi filmato blog)ciao e complimenti!!!

    RispondiElimina
  4. @ibiza130 -> e bravo .... :P

    @antherun -> diciamo che mi sento abbastanza responsabile per avere portato ibiza130 sulla via della rovina ... poi lui ha messo del suo :D Ieri sera abbiamo cominciato ad allenarci assieme in piscina ... è molto meglio ... adesso orari di lavoro ed impegni permettendo si prosegue così :)

    @ciro -> si si ... viaggia il "ragazzo" ... e poi guarda ... non è mai tardi per rimettersi in gioco :D

    RispondiElimina
  5. COMPLIMENTI! ... a dicembre ho impiegato 102 minuti per 100 vasche (da 25!)... SEI UN PESCE!!! niente crampi, nemmeno un accenno? Quelli sono il mio punto debole :-(
    ... ed è vero, in vasca da 50m è tutta un'altra storia :-S
    Buone nuotate ;-)

    RispondiElimina
  6. @mjaVale -> ti spiego una cosa per i crampi ... sai ... vengono anche a me in piscina ogni tanto ... il problema di base è come ti spingi dal muretto. Quando uso tutta la pianta del piede per la spinta (serie brevi) il crampo arriva. Se spingi con meno intensità sfruttando metà pianta del piede allora cambia tutto :)

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutti. Per fortuna non ho mai sofferto di crampi, in tutta la mia vita forse qualche piccolo accenno proprio nel nuoto... di solito mi si "accavalla" il mignolino del piede.. ma tipo 1 minuto e passa tutto, niente male...

    Per quanto riguarda la tecnica, anche io dopo anni passati fuori dalla vasca, mi sono rifatto due anni e mezzo di corso.. non sembra, ma aiuta tantissimo!

    RispondiElimina
  8. @ibiza130 -> e dai che l altro pomeriggio hai anche trovato un incentivo per tornare al corso di nuoto :P

    RispondiElimina
  9. @Innovatel: che mai non sia che al corso di nuoto c'è una bella istruttrice???
    PS grazie per le info sulla spinta, in effetti avevo notato che con la spinta + forte e intensa il crampo è quasi assicurato!

    RispondiElimina
  10. @mjaVale -> Il sesto senso femminile è eccezzionale.. ^_^

    RispondiElimina
  11. @mjaVale -> ohh bhe .. di nulla ... ;)

    @ibiza -> ti ricordo che hai un amico single te ... :P

    RispondiElimina
  12. grande, fatto lo stesso allenamento stasera perchè dopo il duathlon di ieri un acciacco al piede non mi consente di uscire a correre, per qualche giorno sarà meglio virare su piscina e bici, ottimo allenamento e per quanto mi riguarda in un tempo di tutto rispetto! :-)

    RispondiElimina

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Youtube