venerdì 11 aprile 2014

Sky del Canto 2014

Posted by Paolo Scotti | 4/11/2014 12:14:00 PM Categories: , ,

Sky del canto 2014. 22 km con 1300D+ . Una corsa bellissima, un tracciato che da tempo volevo fare, in quanto i bravissimi ragazzi del Carvico SkyRunning l'hanno segnato in modo permanente, ma non avevo mai trovato l'occasione. L'unico rimpianto è presentarmi all'evento non in perfette condizioni fisiche, ma alla fine mi sono divertito lo stesso, come sempre, e questo è quello che conta. Ma partiamo dall'inizio...

Settimana scorsa in un impeto di giovinezza acuta ho portato mia figlia sul "calcinculo" incrinandomi due costole. Purtroppo correndo si fanno sentire, e ne pomate, ne antinfiammatori sono riusciti a lenire il dolore. Però mi convinco che in fondo è solo un fastidio, non proprio male, e sta quasi passando. Il Sabato sera siamo invitati alla grigliata dei nostri amici bergamaschi, a due passi da Selvino, respiro già aria di montagna, ma la notte non dormo niente e vedo tutte le ore passare.. Visto che già ero messo male, così  completo l'opera.  Anche l'amico Ivan mi abbandona con un sms la mattina per dirmi che non è stato bene e non se la sente di venire. Che faccio? Vado a letto e cerco di dormire? Naaaaaaaaaaaaaaa  vado e come viene viene.

Arrivo a Carvico, sommersa di gente per la concomitanza della non competitiva sui sentieri del Canto, ritiro pacco gara, faccio due parole con amici vecchi e nuovi, conosco finalmente di persona il grandissimo Paolo Grossi che farà una prestazione con la P maiuscola (nonostante il giorno prima abbia partecipato anche alla vertical! ) e mi posiziono in griglia. SBAM partenza a cazzo come sempre.

La corsa inizia con la strada che sale in maniera piuttosto regolare, ampia, e permette di correre bene. Mi sfilo subito il buff posizionandolo al polso perché fa già caldo. Mi stupisco del passo che riesco a tenere, niente di trascendentale, ma viaggio bene con un bel gruppo di persone. Un po di sali scendi nel bosco, questi tracciati single track mossi mi piacciono un casino, la prima discesa molto corribile dove supero un po di gente e poi arriva la seconda salita. Qui si fa leggermente più difficoltosa, la corsa cede il posto al passo, il caldo sta diventando imbarazzante ( poi scoprirò un bel 25°, la prima domenica calda dell'anno ) ed inizio ad accusare un po di stanchezza. 

 
Anche la seconda discesa è andata, ora si risale per l'ultima volta. L'ultima lunghissima volta.. eh si, la salita più brutta e lunga è proprio alla fine. Infinita. La riassumerei con questa unica parola. L'arrivo in vetta è stata una liberazione, lo sforzo per conquistarla eccessivo, complice la scarsa forma fisica e l'assenza dei bastoncini che su queste pendenze tanto mi aiutano. Il definitivo crollo morale è stato scoprire che l'acqua era finita.... Somatizzo la notizia seduto a rifiatare su una roccia, ho molta sete e prima della fine mancano ancora 4 km. Il tallone che prima dava segni di fastidio, pensavo si fosse spostata la calza o la soletta, adesso punge e brucia... mi sa che una vescicona mi attende all'arrivo.. Ma via, non perdiamoci d'animo, la giornata è bella, il panorama anche, pian pianino si torna. Via lungo la ripida e tecnica discesa, sento la disidratazione far parte di me, e sento i lamenti degli altri concorrenti che sognano caraffe di birre gelide.. fortuna siamo verso la fine, altrimenti sarebbe stata critica la cosa..
 
Rientro nel parco di Carvico e taglio il traguardo in 3:05:00 minuti, ben 25 minuti in più di quello che mi ero prefissato e avevo pronosticato.. Pazienza, visto tutti i presupposti alla partenza, devo essere contento di averla conclusa. Ci ritornerò appena sarò di nuovo in sesto e proverò a capire quale potrebbe essere il reale tempo di percorrenza. (Anche se alla fine per me sono solo dettagli)
 
Note finali...
 
Tolta la scarpa ho visto la bolla sotto il tallone, con tutta la pelle spostata all'esterno. Il commento di un ragazzo che attendeva il turno doccia mi ha fatto sorridere... "Ma come hai fatto a finire con quel piede li?? ". Stringendo i denti.. dalla partenza.
 
Assaltato il ristoro finale, ho bevuto 1,5 litri di acqua, 1 birra media. A casa altro litro di acqua e due birrette all'aperitivo. Sono andato a fare pipi solo dopo cena... Mi sa che avevo proprio esaurito tutta l'acqua che avevo in corpo!!!
 
 
 
 





2 commenti:

  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Youtube